Addio lettere rotanti.

Da oggi nella stazione di Friburgo e installato un nuovo tabellone d’informazione sui marciapiedi che sul display riunisce tutte le informazioni importanti per il viaggio.

 

Non ho potuto fare diversamente. Oggi in via eccezionale ho dovuto lanciarvi uno sguardo. In qualità di pendolare esperta da Friburgo a Berna la mia vista a tunnel si solleva, in genere, solo in caso di perturbazione in direzione del tabellone d’informazione sul marciapiede. Ma oggi tutto è diverso: gli indicatori a palette rotanti non ci sono più e al loro posto si illuminano lettere e numeri estremamente nitidi. A sinistra leggo «Thun, 12.41», a destra cambia l’indicazione. Il nuovo tabellone d’informazione è dotato anche di simboli. La percepisco maggiormente come una stazione ma non capisco del tutto.

 

Diviso in due.

La mia collega di lavoro Jeannette Inderbitzin mi aiuta. Gestisce Service e Product Management presso FFS Infrastruttura e segue l’introduzione del nuovo display sul marciapiede. «A primo sguardo il nuovo layout diviso in due è insolito». A sinistra ci sono sempre l’orario di partenza e la destinazione, la parte destra può essere utilizzata in modo flessibile. Un grande vantaggio: in futuro i clienti troveranno ad esempio indicazioni su fermate intermedie, cambi di binario, treni aggiuntivi o informazioni in caso di perturbazione e sui gruppi. «Inoltre i viaggiatori possono vedere in quale sezione del marciapiede si trova la carrozza famiglia e dove possono salire le persone sulla sedia a rotelle». A proposito: grazie ai tabelloni leggermente rivolti verso il basso le informazioni sono meglio leggibili per i viaggiatori sulla sedia a rotelle. Il display è utile anche per le persone con problemi di udito. Infatti gli annunci dell’altoparlante possono inoltre essere riportati sullo schermo.


Basta con gli indicatori a palette.

Friburgo è la prima stazione svizzera con un nuovo tabellone d’informazione. Entro la fine del 2018 saranno dotati di due nuovi dispositivi, fra l’altro, a Ginevra, Ginevra Aeroporto, Flawil, Gossau e Uzwil. Complessivamente, entro la fine del 2018 saranno installati circa 180 nuovi indicatori. «Ma non sveliamo tutto subito», afferma Jeanette Inderbitzin continuando: «Affinché tutto abbia un senso dal punto di vista ecologico ed economico, sostituiamo i tabelloni d’informazione solo quando arrivano alla fine del loro ciclo di vita».

Già da cinque anni FFS non acquista più indicatori a palette. «La tecnologia è superata e molto dispendiosa in termini di gestione» motiva Jeannette Inderbitzin. Entro il 2021 verranno smantellati tutti gli indicatori a palette. Sentendo questi discorsi, provo già un po’ di nostalgia. Le lettere e i numeri rotanti avevano qualcosa di magico. In futuro in caso di perturbazioni avrò maggiori dettagli su come procedere.

 

 

 

2 articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *