L’inizio dell’estate in Svizzera: consigli di viaggio per ogni regione.

Da nord a sud, da est a ovest… vi forniamo una serie di consigli per vivere un’esperienza di inizio estate unica all’insegna di paesaggi mozzafiato e incontri emozionanti con la fauna locale. Dove vorreste andare?

A sud: Cardada.

Sopra la città di Locarno troneggia la montagna di Cardada. Salendo con la storica funicolare che collega Locarno al celebre santuario della Madonna del Sasso, incontrerete luoghi davvero stupendi e potrete godere di una vista mozzafiato a 360° sulla città e sul Lago Maggiore.

Proseguendo nella cabina della funicolare ideata dal famoso architetto Mario Botta si raggiunge Cardada. La stazione montana che si trova a 1349 m s.l.m. offre molte attrazioni: l’imponente piattaforma panoramica, leggermente nascosta, (sconsigliata ai deboli di cuore), un grosso parco giochi per famiglie (non lo abbiamo provato) o un divertente percorso da affrontare scalzi (lo abbiamo provato con estrema soddisfazione).

Per chi desiderasse spingersi ancora più in alto, consigliamo di salire fino a Cimetta (raggiungibile anche con la seggiovia). Dopo una camminata di circa un’ora e mezza si può ammirare un panorama a 360°. Se c’è bel tempo, è possibile perfino vedere due estremità della nostra nazione: il punto più profondo della Svizzera presso la foce del Maggia tra Ascona e Locarno e il punto più alto, la Punta Dufour nel massiccio del Monte Rosa, a ovest. Offerta combinata RailAway.

Sabrina

 

A ovest: Glacier 3000 – Peak Walk by Tissot.

A quanto pare Mario Botta è un sostenitore dei progetti temerari che coinvolgono le funivie, perché la ferrovia che collega Col du Pillon alla stazione montana di Scex Rouge a 2971 m s.l.m. porta la sua firma. Consiglio alle persone che soffrono di vertigini di restare al centro della cabina, in quanto il dirupo è estremamente profondo e può incutere paura.

La stazione montana ideata da Botta incarna appieno il suo stile: singolare, futuristica, materiali freddi, forme geometriche rigide. È un luogo che vale la pena visitare, anche se non si è fan di Botta. Il ristorante di montagna offre piccoli spuntini e specialità locali.

Nel mio caso, ad esempio, non sono state le opere di Botta a spingermi in questa avventura ma il primo ponte sospeso al mondo che collega tra loro due vette. Lungo 107 metri e largo 80 centimetri, il «Peak Walk» collega il punto panoramico del «View Point» con la cima del Scex Rouge. Un po’ a disagio ma con audacia attraverso il ponte sospeso oscillante e il mio coraggio viene premiato con una vista spettacolare. Cervino, Monte Bianco, Eiger, Mönch e Jungfrau: complessivamente, a questa altezza si possono scorgere 24 Quattromila. Ora è il momento di raggiungere un’altra vetta. Offerta combinata RailAway.

Nadine

 

A nord-est: Mainau, l’isola dei fiori.

Naturalmente esistono anche escursioni meno avventurose, come ad esempio una gita in battello sul Lago di Costanza con visita a Mainau, l’isola dei fiori, dove il parco del castello è al tempo stesso un giardino botanico.

A meno di 40 minuti in battello da Costanza è possibile raggiungere un vero e proprio paese dei sogni immerso nei fiori, che accontenta proprio tutti: gli appassionati di botanica possono approfondire le loro conoscenze sui diversi periodi di fioritura delle piante provenienti da tutto il mondo, mentre gli amanti del sole possono rilassarsi sulla terrazza mediterranea. I bambini possono divertirsi e al tempo stesso godersi un po’ di refrigerio nel parco giochi di Mainau, dov’è possibile camminare su una palafitta per passare da una sponda all’altra. Un’altra attrazione molto amata è la fattoria di Mainau, dove vivono antiche razze di animali domestici: grandi e piccoli possono vedere da vicino pony Shetland, asini e bovini nani, galline e conigli.

Offerta combinata RailAway.

Martina

 

Nella Svizzera centrale: Pilatus.

A due passi da Lucerna si trova il Pilatus. Un tempo questo monte imponente di 2128 m s.l.m. non era considerato dai lucernesi la solenne montagna locale, ma il luogo lugubre dal quale si originavano tempeste insidiose e cascate che scendevano fino in città. Da qui le numerose leggende che narrano di draghi, streghe e maghi che infestano la montagna. A tal fine è importante ricordare la funivia «Dragon Ride», che si libra dal Fräkmüntegg alla cima, con una vista mozzafiato su tutti i punti cardinali.

A proposito del Fräkmüntegg: oggi qui non ci sono più i draghi, ma si trova il più grande parco avventura della Svizzera centrale per gli spiriti più coraggiosi. Chi predilige un’atmosfera più raccolta, può godere di una vista a 360° dalla galleria panoramica in vetro e assaggiare le specialità regionali nel ristorante Pilatus-Kulm.

In ogni caso, non dovete assolutamente perdervi questa vista favolosa! Offerta combinata RailAway.

Simone

 

Scoprite la Svizzera all’inizio dell’estate.

Su tutte le esperienze estive appena citate potete ottenere almeno il 10% di sconto se viaggiate con i trasporti pubblici, acquistando un’offerta combinata RailAway. Altre idee per escursioni si possono trovare su FFS.ch

15 articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *