Pionieri al San Gottardo: Eduard Gruner (parte 3).

Oggi, nella nostra breve serie di articoli sulla storia della costruzione della galleria del San Gottardo, vi presentiamo Eduard Gruner, il primo ad aver avuto l’idea visionaria di costruire una galleria di base.

gruner-1024x574

Eduard Gruner, nato nel 1905 a Basilea, ebbe l’idea di un collegamento attraverso il massiccio del San Gottardo già negli anni ’30: immaginava una galleria di base sia ferroviaria e stradale, sia una combinazione delle due. Gruner, ingegnere specializzato nella pianificazione dei trasporti, schizzò addirittura una variante a due piani. Nel 1947 illustrò la sua idea rivoluzionaria di una galleria di base lunga circa 50 chilometri tra Amsteg e Biasca in un saggio tecnico per il mensile «Prisma. Natur, Forschung, Technik», intitolato «Reise durch den Gotthard-Basistunnel im Jahr 2000» (Viaggio attraverso la galleria di base del San Gottardo nel 2000).

«Noi svizzeri, crediamo veramente che , con la costruzione della galleria del San Gottardo, settant’anni fa, e con l’elettrificazione dopo la prima guerra mondiale, abbiamo fatto abbastanza per i trasporti in Svizzera?», scrisse la rivista nella prefazione della sua quarta edizione, intitolata «Die Schweizer Bahnen im Jahr 2000» (Le ferrovie svizzere nel 2000), contenente diverse proiezioni di come la gente avrebbe viaggiato in treno 53 anni dopo.

Prisma

A Gruner si deve anche la proposta di realizzare una stazione sotterranea in mezzo alla galleria di base del San Gottardo a Sedrun, nel Cantone dei Grigioni. Allora scrisse nella sua idea del progetto: «Il treno frena gradualmente e ferma nell’affollatissimo atrio della stazione sotterranea di Sedrun. Da qui è possibile accedere al popolare centro sportivo in sette minuti con un comodo ascensore attraverso un vano di 830 metri. In questo modo i campi da sci della regione del Vorderrhein si avvicinano a Basilea, Zurigo e Milano, da cui possono essere raggiunti in qualche ora (…)». Il progetto è stato poi ripreso con il nome «Porta Alpina», ma finora non è stato ancora realizzato.

Gruner morì nel 1984 e non poté assistere neppure alla costruzione della galleria di base del San Gottardo, che sarà inaugurata l’anno prossimo. Oggi il Gruppo Gruner, con sede a Basilea, è uno dei più importanti fornitori di servizi per le costruzioni a livello nazionale e mondiale. L’azienda, infatti, impiega circa 1000 collaboratori in oltre 30 sedi in Svizzera e all’estero.

Foto: Keystone (sopra), FFS Historic (sotto)

Questo contributo di Wolfgang Müller è comparso nell’ottobre 2015 nel blog di FFS CargoAlla sezione intitolata «Il fascino del San Gottardo» trovi un appassionante dossier sulla costruzione della galleria dis base del San Gottardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *