Ogni giorno un profumo di cioccolata le da il benvenuto.

Carolin Holland ha iniziato a lavorare appena un anno fa per «FFS Viaggiatori». In questo racconto ci concede di dare un’occhiata nelle sue prime impressioni sul settore ferroviario e nella sua quotidianità come ingegnere nel reparto di «Tecnica di produzione» a Olten.

Il mattino presto prendo l’ICN da Zurigo a Olten. Nelle giornate estive, come oggi, mi piace andare a piedi dalla stazione allo stabilimento industriale. Ancor prima di arrivare al portone d’ingresso, già vengo travolta dal profumo famigliare che proviene dalla fabbrica di cioccolato di fronte. Così sì che si inizia la mattinata con il piede giusto! Salgo le scale fino al 3 piano sorridendo. Io lavoro nel reparto «Tecnica di produzione». Tra i nostri compiti c’è anche quello di supporto alla produzione. Tutti noi abbiamo una precisa competenza nella produzione. Insieme a un collega, sono responsabile della verifica dei freni nelle officine di Olten.

Appena accendo il notebook, già suona il telefono. Ci sono problemi a proposito della verifica freni. In tutta velocità indosso le scarpe di sicurezza e il giubbotto protettivo, afferro gli occhiali di protezione e scendo in produzione per trovare una soluzione.

Oltre al supporto alla produzione, nella mia routine quotidiana c’è anche il lavoro di progetto. Se sono previsti incarichi di modifica o ammodernamento delle flotte di veicoli, io partecipo al progetto partendo dalla progettazione generale, alla costruzione di un prototipo, fino all’attuazione in serie.

 

Per la modifica ai veicoli è necessario essere flessibili.

Successivamente mi incontro con fornitori e collaboratori di progetto per accordarci su una tabella di marcia per un’imminente modifica a un prototipo. Si devono installare nuovi elettrodomestici da cucina nella carrozza ristorante. Per me questa è un’interessante fase del progetto. Perché non sempre ciò che si trova dietro il rivestimento nel veicolo corrisponde a ciò che si trova nei disegni che abbiamo davanti. In tali casi occorre essere flessibili per trovare velocemente una nuova soluzione con i costruttori affinché si possano rispettare le tempistiche.

 

Dal settore automobilistico alle FFS.

Per me che provengo dal settore automobilistico, è impressionante vedere quanto diverse siano le flotte di veicoli e quanto impegno ci sia dietro la loro manutenzione e modernizzazione. Sia che si tratti di adempiere nuovi requisiti di legge che riparare veicoli incidentati.

A pomeriggio mi familiarizzo con un nuovo progetto di ammodernamento che tiene presente i requisiti della legge federale del 13 dicembre 2002 sull’eliminazione di svantaggi nei confronti dei disabili. Il mio lavoro è molto variegato e apprezzo molto l’alternanza tra il supporto alla produzione e il lavoro di progetto. Non rari sono i feed-back necessari dalla produzione che contribuiscono ad apportare migliorie.

 

Sguardo al di là del proprio naso

La mia giornata lavorativa termina con un corso di formazione continua sul tema della tecnologia ferroviaria presso la stazione di Olten. Attualmente frequento il corso con un collega. Durante i quattro mesi di corso impariamo a conoscere le proprietà del materiale rotabile e ci occupiamo di aspetti delle infrastrutture, necessari a un sicuro traffico ferroviario. Qui ho imparato che già la progettazione di veicoli può esercitare un’importante influenza sulle opere di manutenzione ai binari. Avere questo sguardo che va oltre al mio proprio naso è utile e importante. Solo così, infatti, posso sviluppare una comprensione globale delle FFS.

Quando sono sulla strada di casa, dopo il corso, mi ritrovo spesso a osservare con fare indagatore i segnali di percorrenza o a guardare con maggiore attenzione la costruzione dei binari. Se si è arrivati ad avere il «gusto per la ferrovia», questo non se ne va più tanto in fretta: proprio come il profumo di cioccolato al mattino.

 

Autrice: Carolin Holland, ingegnere specializzata in Tecnica di Produzione, Industria dei veicoli, Viaggiatori

 

 

 

 

 

14 articoli

1 commento su “Ogni giorno un profumo di cioccolata le da il benvenuto.

  1. Davvero un lavoro interessante! Anche io vorrei lavorare per le FFS e occuparmi della pianificazione del servizio ferroviario!

Mostrare tutti i commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *