Una giornata sotto il sole del Ticino.

Un biglietto per accompagnatore, la mia guida. Una rete ferroviaria di 3000 chilometri totali a nostra disposizione: questa è libertà! Verso il Giura, in direzione di Arosa o verso sud? In una mattina come questa, non è difficile decidere dove andare: nel Ticino, il cosiddetto «Sonnenstube», ovvero il salotto assolato della Svizzera.

Di mattina presto il mio assistente di viaggio Patrick e io prendiamo il treno alla stazione centrale di Zurigo in direzione di Bellinzona. Grazie al biglietto per accompagnatore, per soli 38 franchi, Patrick può viaggiare con me in prima classe. Durante il viaggio i sonnellini non sono contemplati.

Gita con il biglietto per accompagnatore.

In viaggio insieme a un prezzo conveniente: Il biglietto per accompagnatore è acquistabile dal 19 marzo al 6 maggio. Ad esempio, se si è in possesso di un AG o una carta giornaliera è possibile portare in gita sul treno un accompagnatore, a soli 38 franchi. Su «gite giornaliere» trovate tante altre idee per il tempo Libero.

 

Polenta, formaggio e amarett.

Locarno ci accoglie con palme, arbusti già in fiore e uno splendido sole. Appena arrivati, ci dirigiamo verso la nostra prima meta: il «Mercato di Locarno» in Piazza Grande. Quasi ogni cittadina del Ticino offre un mercato settimanale. Nonostante negli anni si siano aggiunti molti stand con merci asiatiche a poco prezzo, si possono ancora trovare le più raffinate specialità ticinesi e perfino italiane: vale la pena fare un giro. Suggerimento: visitate il mercato in primaveraperché, in questo periodo, troverete ancora più bancarelle.

Al mercato acquistiamo cantuccini in tutte le varianti possibili da un commerciante di Lugano. Ce li gusteremo in riva al lago. I gabbiani ci salutano a gran voce.

 

Alla ricerca del miglior risotto ai porcini.

I cantuccini ci hanno stuzzicato l’appetito. Non c’è da stupirsi, sono già le 12.30. «A Verscio dovrebbero fare il risotto ai porcini più buono», mi dice Patrick. Una delle sue colleghe ticinesi gliel’ha consigliato. Spinti dall’appetito, torniamo verso la stazione.

Le Ferrovie Autolinee Regionali Ticinesi (FART) collegano tra loro le vallate circostanti a nord del Lago Maggiore. Il vantaggio: le tratte rientrano nel raggio di validità dell’AG o della carta giornaliera. Un suggestivo binario ci conduce lungo il fiume Melezza, avvicinandoci con ogni curva alla chiesa in pietra di Verscio.

Scegliamo di fare una piccola deviazione, per scoprire gli incantevoli vicoli di Verscio fino al Grotto. Passeggiando ci imbattiamo nel Museo Comico.

Un luogo dove si respira teatro.

Verscio è la dimora di molti artisti. Qui, infatti, il famoso clown svizzero Dimitri e sua moglie hanno fondato l’attuale Accademia Teatro Dimitri, una scuola di teatro. Visitando il Museo Comico, sempre a Verscio, potrete scoprire numerosi oggetti di scena, maschere e sculture, tutta la carriera di Dimitri.

 

Qualche minuto più tardi arriviamo all’Osteria Croce Federale. Apriamo i pesanti portoni e scopriamo che il locale è pieno. Allora ci sediamo all’aperto su un tavolino di pietra. In fondo vogliamo goderci il bel tempo. Il risotto ai funghi porcini sfumato al vino rosso ha un profumo delizioso e ci scalda il cuore. Ci beviamo una gazzosa… Certo che è proprio bello essere qui in Ticino!

 

Uno spettacolo veramente unico ed entusiasmante.

Spinti dalla voglia di esplorare torniamo verso Locarno. Un collega ci ha consigliato di fare visita alla Falconeria di Locarno che si può facilmente raggiungere sia con il bus sia a piedi.

Gufi delle nevi, aquile e falchi si librano in volo planando sopra le nostre teste durante la fantastica rappresentazione della durata di un’ora: uno spettacolo indimenticabile. Patrick ha l’onore di tenere sulla mano un falco. Per la prima volta abbiamo avuto la possibilità di ammirare questi animali da vicino.

Falconeria Locarno.
Nel loro habitat naturale potete osservare da vicino falchi, aquile, gufi, avvoltoi e cicogne mentre volano liberi sopra le vostre teste. Inoltre potrete apprendere tante cose interessanti su questi rapaci. Con il biglietto per accompagnatore riceverete uno sconto del 30% sul biglietto d’ingresso.

 

Dopo lo spettacolo decidiamo di andare a visitare Ascona che è molto vicina. Facciamo una passeggiata lungo il lago e ci sediamo al tavolino di un bar per ammirare le maestose montagne.

Gironzoliamo poi per le graziose stradine affiancate da boutique e ristoranti dirigendoci verso la fermata dell’autobus «Ascona Posta» e ci rimettiamo in viaggio per tornare a casa. È stata una giornata veramente bella!

9 articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *